Redazione| 28 maggio 2021

Le autorità politiche alle Canarie stanno approfittando di questi momenti di sosta obbligata per avviare migliorie di tutti i tipi: case, palazzi, strade, collegamenti e in questo caso anche in nuove zone riconvertite per la balneazione.

A spiegarcelo è lo stesso sindaco del comune di Agüimes Oscar Hernández che ci illustra le migliore apportate nella zona in prossimità del faro, ora rinomato ristorante di alta cucina con viste mozzafiato, dove è stato riconvertito il vecchio molo (muelle viejo) dove una volta atraccavano le imbarcazioni dei pescatori.

Sulla destra in basso il sindaco (“alcalde” in spagnolo del comune “Ayuntamiento” de Agüimes)

La zona è stata fornita di una serie di percorsi e di una scala per l’accesso al mare, tra due muri su cui una volta poggiava il molo.

Il costo è meno di 250 mila euro, prevede anche l’inserimento di uno spazio attrezzato per i bambini, un parco e infine una piscina naturale.

I soldi provengono dalla regione e dagli enti che si occupano dello sviluppo socio economico del territorio.

Il sindaco ha rassicurato tutti che i lavori hanno tenuto in primis conto del valore naturalistico della zona è non influenzerà né la ricchezza della fauna e della flora marina né quella terrestre.

Arinaga per tutti noi, playa de Arinaga per i turisti, è una bella cittadina posta a 15 km dall’aeroporto, mantiene ancora le caratteristica del grazioso villaggio canario, con persone del posto e una vita molto tranquilla. È ora metà obbligatoria dei turisti per i suoi eccellenti ristoranti di pesce, pizzerie, un mare trasparente e ricco di pesci dalle più svariate forme e colori; in questa zona spesso fanno capolino società che portano i turisti a immergersi con le bombole o a fare snorkeling.

La costa è prevalentemente rocciosa, roccia magmatica vulcanica. Sentiamo però ora le parole del sindaco.