Ho deciso che da oggi vi informerò su quanto sta avvenendo in Italia, da un altro punto di vista, quello di un italiano in Spagna, esattamente alle Canarie.

Molte volte, per vedere bene e valutare la situazione bisogna allontanarsi, accade nelle mostre dei quadri, ma avviene anche nella realtà.

In Italia, con l’appoggio di PD , Cinque Stelle e Italia viva si è deciso di discriminare i bambini e adolescenti senza vaccino da quelli con vaccino. I primi di fronte a un positivo saranno obbligati a stare in dad se nella loro classe ci sono due positivi. A onor del vero vorrei sottolineare l’elegante quanto ipocrita posizione dei leghisti che hanno disertato la riunione, ma nessun problema creano al governo che prende queste decisioni.

L’intenzione del governo è chiara: non mira a criteri epidemiologici di controllo dei contagi (altrimenti farebbe tampone a tutti gli studenti, indipendentemente dalla vaccinazione in quanto questa non rende immuni) , ma ha come obiettivo quello di rendere la “vita impossibile” (ve lo ricordate il vostro amico pentastellato Sileri?) a chi vaccinato non è.

I giornali italiani? Spazzatura di regime che finiscono per formulare titoli al limite del ridicolo: tanto gli italiani comunque non reagiranno e pochi domande si fanno.

DOMANDA: Ma le norme non dovrebbero essere anticontagio?

Subito in classe chi è in quarantena? Scusate: ma che quarantena è? Almeno l’italiano, vogliamo rispettarlo?

Cosa accade alle Canarie? Come in tutta Spagna non esiste il #greenpassrafforzato, ciascun locale è libero di chiedere o meno il #greenpass (vale anche il tampone rapido).

Sul lavoro nessuna limitazione o ricatto vaccinale; a dicembre, per la notte di S. Silvestro, un preoccupato (legittimamente direi) presidente del Gobierno de Canarias aveva ipotizzato un coprifuoco, immediatamente bocciato dal TSJC (Tribunal Superior de Justicia de Canarias); non mi risulta che i tribunali e i giudici italiani si siano svegliati in tal senso … controllando la costituzionalità di alcune decisioni del potere esecutivo.

Cosa sembra a me? Tanto autoritarismo, sotto l’ombrello di TUTTI i partiti, con una stampa asservita, forse a causa dei tanti finanziamenti pubblici ai massmedia.

Consiglio: prendete una boccata d’aria e veniteci a trovare. All’aperto le mascherine non si usano più, in Spagna sempre. Ciao, ciao, sudditi. #Draghistan