Redazione| 23/03/2021

Sono estremamente fiducioso per questa estate, perché? Tenendo conto dei prezzi dei voli, ma anche del passaporto sanitario con la doppia possibilità di vaccinazione o pcr, le misure attualmente decise sulle isole e in tutta la Spagna, credo che si possa viaggiare e viaggiare tranquilli. Chiaramente con mascherine chirurgiche o meglio ffp 2-3 e magari anche quello schermo protettivo che usano gli infermieri. Non dobbiamo dimenticare droplets e aerosol.

Nelle Isole Canarie la situazione del Coronavirus è relativamente sotto controllo, i toni allarmistici che spesso leggiamo sui quotidiani locali dipendono più dal fatto che la situazione è stata quasi sempre ben al di sotto dei valori del resto della Spagna sin dall’inizio pandemia, questo soprattutto nella prima fase, ma anche nelle successive. Il Gobierno de Canarias a conduzione del socialista Viktor Torres ha sempre gestito la situazione con un attento dosaggio di misure restrittive e politiche volte alla precauzione.

Attualmente Gran Canaria e Tenerife sono in fase 3, di colore rosso, con coprifuoco dopo le 22 sino alle 6, questo perché nell’ultimo periodo si è registrato un aumento che ha portato le autorità dell’arcipelago a portare elevare l’allerta.

Ma quali sono i numeri dei contagi? Molto inferiori a quelli che registriamo in buona parte d’Italia. Le variabili sono moltissime: estensione, ma anche concentrazione degli abitanti sulla costa.

Ragioniamo però in generale. Le Canarie hanno una estensione di 7.493 kmq, tanto per intenderci circa un terzo della mia regione, l’Emilia Romagna (22.453 kmq); gli abitanti in Emilia Romagna all’incirca 4.474.000 mentre alle Canarie sono all’incirca 2.150.000 . Vediamo che il rapporto è all’incirca di 1 a 2 tra Canarie ed Emilia Romagna, 1 a 3 se consideriamo il territorio. Prendiamo dunque come riferimento queste due grandi regioni. Negli ultime due settimane l’Emilia Romagna è arrivata a superare i 3.000 contagi al giorno, oggi con poco più di 1.500 contagi si sente già aria di allentamento delle restrizioni da zona rossa. Sia considerando il rapporto abitanti o estensioni, qui alle Canarie la situazione è estremamente più tranquilla, non siamo in un rapporto di 1 a 2 o a 3, ma siamo a 243 contagi quindi 1 a 6. Certo bisogna tenere in considerazione altri fattori come la distribuzione nelle isole e capacità dei posti letto negli ospedali, per ora mi limito a informarvi sui valori assoluti che registriamo. In questo giorno considerato assai negativo registriamo 243 contagi, nelle due isole maggiori: 110 a Tenerife, 94 a Gran Canaria , i restanti nelle altre isole minori: Fuerteventura +25, El Hierro stabile come La Gomera e La Graciosa, Lanzarote + 13, La Palma +1.

I guariti sono superiori ai casi giornalieri, calano i casi attivi e l’incidenza, l’Rt è sotto (di poco) al 1%, questi gli elementi positivi. Certo dobbiamo registrare un aumento dei ricoveri di 2 unità e di altrettanti casi critici, la terapia intensiva in Spagna ha l’acronimo di UCI.

Tabella presa dal sito cvcanarias.es