Redazione| 21/06/2020

Iniziamo da un punto fermo: siamo nella post emergenza covid, che significa? Abbiamo sconfitto il virus? No. Assolutamente no. Le centinaia di nuovi casi in tutta Italia stanno lì a dimostrarlo, nonostante la stagione calda, il virus non accenna a scomparire, anzi, dopo un primo vistoso calo, che sembrava promettere molto bene, c’è stato un nuovo aumento.

Ma questo non significa smettere di vivere, nè che dobbiamo farci prendere dalla sindrome della caverna. Significa semplicemente usare precauzioni e prudenza maggiori.

L’aeroporto Marconi di Bologna non si è fatto trovare impreparato, dall’aeroporto internazionale che è, porta d’ingresso di una delle regione maggiormente sviluppate economicamente e socialmente, l’aeroporto Marconi ha messo in atto tutta una serie di rigide e lungimiranti precauzioni che noi dobbiamo, ripeto: abbiamo il dovere di seguire fedelmente e letteralmente.

Ma vediamo quali sono queste misure:

A) a casa:

  • scaricare la carta di viaggio digitale sul proprio cellulare
  • la mattina prima del volo misuratevi la febbre, se in aeroporto fosse superiore ai 37.5 non potrete viaggiare, verrete bloccati e portati al presidio medico per accertamenti

B) in aeroporto

  • indossare una mascherina appena arrivati fuori dall’aeroporto
  • i vostri eventuali accompagnatori, se non devono viaggiare, non potranno entrare nella struttura aeroportuale
  • entrare dalla porta d’ingresso principale
  • notate eventuali segnalazioni poste sul pavimento per corridoi di transito passeggeri
  • presenza di dispositivi per l’igienizzazione delle mani
  • al banco del check in segnali sul pavimento che indicano la distanza OBBLIGATORIA di un metro
  • uso del biglietto digitale (siete invitati a usare biglietti cartacei)
  • mantenete sempre un distanziamento dagli altri viaggiatori e segnalate al personale eventuale non rispetto delle regole
  • alcune sedie delle sale d’aspetto sono state coperte per garantire il metro di distanza con gli altri viaggiatori, vietato togliere la carta che le ricopre.
  • ove possibile si raggiungerà l’aeronave a piedi e non con il pullman.
  • i flussi dei passeggeri in arrivo e in partenza sono stati separati, tanto per intenderci non si arriverà più dove c’è l’automobile Lamborghini, ma si uscirà in prossimità del parcheggio delle corriere.

Cosa dire, se non fossi stato chiaro ecco a voi il video:

Mi manca solo una cosa: augurarvi buon viaggio: con prudenza.