Redazione| 18 maggio 2020

Durante una conferenza stampa, il ministro dei Trasporti José Luís Ábalos, analizzando i dati positivi dei contagiati e dei morti per #covid in Spagna, ha dichiarato che se gli indici continuassero a mantenersi costanti con una tendenza al ribasso, proporrebbe al governo di riaprire l’attività turistica sin dalla fine di giugno, soprattutto partendo dalle isole dove la diffusione del virua appare sotto controllo, priva di focolai, con casi sporadici e un bassissimo tasso di mortalità.

Notizie buone, sì, ma dobbiamo ricordare che il governo spagnolo ha da sempre dichiarato che una sua priorità è quella di aprire prima al turismo nazionale e poi internazionale. Per cui ora bisogna chiedersi quanto l’inizio di una probabile fase due alla Canarie, nelle Baleari, possa andare d’accordo con una fase zero ancora in vigore a Barcellona, a Madrid o in tutta la Castilla.

Se fossi un turista italiano? Prenoterei dando per probabile anche annullamenti del volo, altrimenti aspetterei. Lo scrivo per rispetto dei vostri risparmi.

Fonte: Canarias7