Redazione| 30 ottobre 2019

Già ieri parlando di un fatto cronaca accaduto a Tenerife, un tentato omicidio a sfondo omofobo, almeno secondo l’accusa, vi ho parlato di questo clima che sta camminando in tutta Europa. Vittime di questa corrente di sospetto, di odio, di emarginazione, di mancanza di rispetto, non sono solo i gay e le lesbiche, i trans, ma anche tanti immigrati.

Veniamo a cosa è accaduto. Dopo l’ennesima accusa del responsabile di Vox, partito di estrema destra, contro gli immigrati, rei di percepire tanti soldi dallo Stato, una giovane ragazza appena 24 enne, laureata e lavoratrice da quando ha 18 anni ha scritto un tweet che ha ricevuto quasi 80 mila condivisioni e migliaia di “mi piace”. Cosa dice il tweet? Semplice, logico e realista

Nabila Belghanou (@nabilachriat) ha twittato:
Hola @Santi_ABASCAL tengo 24, trabajando desde los 16 y cotizando desde los 18. Soy hija de inmigrantes y ayer podrías haber mencionado mi apellido. Llevo más años cotizados q tú q tienes 43 años. No sé cómo tienes la cara de decir q vivimos de ayudas, y tú? Viviendo del estado https://twitter.com/nabilachriat/status/1188840041679859713?s=17

Ricorda al politico populista che gli immigrati hanno “cotizado” versato soldi allo stato spagnolo per anni e che lei a 24 anni ha versato più anni di quelli che lo stesso Abascal, di professione politico da tempo, abbia mai versato in 43 anni di vita.

Scacco matto. In Spagna come in Italia quelli che cavalcano paure e pregiudizi hanno prodotto meno ricchezza e hanno stipendi più alti di quelli delle persone che quotidianamente attaccano per interesse elettorale.

Queste nuove generazioni mi piacciono e ci ricordano che la speranza è viva. Grazie Nabila! Grazie per ricordarci che il futuro sarà degli uomini di pace, dei colori e delle differenze che collaborano per il bene dello Stato liberale e laico.

Annunci