Molti lo chiamiano erroneamente orgoglio gay, traduzione letterale di gay pride, ma si sa le culture angosassoni non vanno molto per il sottile e l’analitico. In realtà il gaypride è la festa di tutti, è la festa di chi ha rialzato la testa dopo una umiliazione, di chi si rifiuta di subire ingiustizie, di chi non vi sta più di essere umiliato, mortificato ed escluso. Questa rimostranza è di chi sta salendo i gradini della societá e combatte per il proprio diritto di esistere.

Il video è molto bello e commovente, un inno alla tolleranza e alla libertà, per tutti, come dicevo.

Annunci