Antonio| 15/04/2018

Marihuana-Guía-de-Isora-1-140418.jpgIeri sono stati arrestati dalla Policia Local dell’Ayuntamiento (comune) di Guía de Isora quattro italiani.

L’accusa è quella di reato contro la salute pubblica, i quattro si trovavano in un’azienda agricola (finca), dove stavano coltivando circa 400 piante di marijuana. Se la notizia non fosse grave e se inoltre non colpisse l’immagine di una comunità straniera,  avrebbe quasi un risvolto comic: i quattro infatti avevano costruito impianti di irrigazione, areazione, telecamere a infrarossi e allarmi di ogni tipo. Certo che … se avessero messo la loro precisione e bravura tecnicain qualcosa di non criminale … sicuramente avrebbero ora una impresa ugualmente “florida” anche se meno “ricercati”!

TF_GuiadeIsoraMa veniamo ai fatti: durante un controllo della Policia Local in una azienda agricola di Guía de Isora, un comune nel Sud Ovest dell’isola di Tenerife, sono stati scoperti, nella tarda mattinata di ieri, circa 400 piante di marijuana, immediatamente fermati i quattro italiani presenti e sequestrato  quanto fosse presente nella casa di campagna. Gli agenti sono rimasti stupiti dalle telecamere, dagli impianti di areazione e irrigazione, i teli ben posti a protezione delle piante e dai sistemi di allarme per evitare che “male intenzionati” potessero rubare “il raccolto” dell’attività.

Marihuana-Guía-de-Isora-140418-777x400La notizia ha avuto grande eco sui giornali locali e, seppur una minoranza, alcuni si sono lasciati andare a commenti contro la comunità italiana identificata con la mafia e attività criminali. Non entro nel merito di questi pregiudizi, preferisco piuttosto riflettere sul fatto che non dobbiamo mai dimenticare che qui siamo ospiti e come tali dovremmo essere l’esempio positivo dell’Italia che lavora, crea, produce e rispetta, amandolo, il luogo in cui si trova. Le persone che si allontanano da questa idea, devono rendersi conto del male che fanno, non solo alla legge e al diritto, non solo alla bellezza di questo arcipelago, ma anche alla comunità di cui fanno parte e che è fatta nella stragrande maggioranza di grandi lavoratori e onesti cittadini.

Nelle pagine dei vari quotidiani si possono leggere alcuni commenti che forse risentono un po’ della crisi economica e della crisi degli alloggi (aumento dei prezzi di affitto e obbligo per i cittadini canari di allontanarsi dalle zone più belle per impossibilità di pagare prezzi esorbitanti), vi posto un esempio: “gli italiani ci hanno invaso per portare le loro attività mafiose”; “Made in Italy”; “continuate pure a far entrare questa gente …” … ma navigando nei differenti forum vi posso assicurare che si può leggere di “peggio”

.Cattura di schermata nuova.jpg

 

Fonte e foto: El Digital Sur

Annunci