Redazione| 02/08/2017

20170802_123110.jpgOggi vorrei consigliarvi una bella gita tra i boschi di pino canario di Gran Canaria.

Il percorso dura circa un’oretta e mezzo, è in salita, un tragitto a mio avviso adatto anche ai bambini, se di età superiore agli otto anni.

Il percorso presenta un dislivello di circa 300 metri e si snoda completamente sotto gli alti pini che producono un’ombra e profumi incredibili.

20170802_133805.jpgIl punto di partenza è l’area ristoro di Llanos de La Pez (dove nei mesi estivi è vietato cucinare la carne ai ferri) e seguendo il sentiero n. S-51 arriverete al Pico de Las Nieves a più di 1950 metri, dopo essere partiti da 1660 metri.

20170802_165727.jpgCi sono due grandi cartine che illustrano il percorso e altri sentieri che partono dal medesimo luogo.

Sconsiglio di effettuare la camminata tra le 12.30 e le 16.30 (ore che utilizzerei per leggere un buon libro sotto i pini canari o farsi un riposino … ); le temperature sono in generale assai gradevoli, è bene evitare però le giornate dove sono previste ondate di calore dall’Africa.20170802_144552.jpg

Gli odori che si percepiscono possono ricordare quelli della macchia mediterranea, il profumo della resina del pino canario è inebriante e balsamica e si mischia con gli odori prodotti dagli arbusti presenti nel sottobosco, per esempio una specie di salvia selvatica e autoctona delle canarie e tante altre piante che colpite dai raggi del sole tropicale producono aromi molto forti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ovunque regna un incredibile silenzio (che vi esorto a rispettare) che permette di ammirare le incredibili viste sulle cime più importanti di Gran Canaria e di Tenerife (El Roque Nublo, El Teide, … ) e la spiaggia più rinomata e emblematica dell’arcipelago: Playa de Inglés con le sue dune; dei veri panorami mozzafiato!

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

A destinazione troverete un furgone per ristorarvi con bevande fresche (a buon prezzo rispetto gli standard italiani: 1€ per una bottiglietta d’acqua o un succo di frutta, chupito di un qualsiasi liquore 1€), mangiare qualcosa o comprare prodotti tipici canari: il mojo, creme a base di aloe, marmellate, salse, crema di almendra  (mandorla) etc..

20170802_140136.jpgConsiglio però di portarvi anche qualcosa per fare un picnic, magari al ritorno: pane, formaggio canario (ce ne sono per ogni gusto: stagionati o no, piccanti, leggeri, con gofio, affumicati ….) o prosciutti acquistabili in qualsiasi supermercato , vi consiglio la pata asada de Valsequillo, magari con una fetta di pomodoro canario, insalata e un po’ di mojo … .

Io arrivo a Los Llanos de La Pez, passando per Santa Lucia, qui vi consiglio di fermarvi in un panificio che ha il proprio laboratorio: ottimo il pane, ma anche le paste e le torte, ho fatto per voi alcune foto. La signora è molto cordiale e disponibile.

Questo slideshow richiede JavaScript.