Redazione| 21/06/2017

Il pino canario (Pinus canariensis) è il più importante albero presente nella flora canaria; può arrivare a raggiungere i 60 metri di altezza nella zona di Vilaflor (Tenerife). Il pino canario cresce solitamente nel versante della montagna in cui troviamo una corrente di aria umida (alisei) ascendente verso la cima della montagna (in spagnolo “zona de barlovento”, sopravvento in lingua italiana). La pianta cresce in quella zona dove si formano le nebbie (da cui riceve l’umidità necessaria alla sopravvivenza) e arriva sino alle cime più alte dove d’inverno nevica. La cima più alta della Spagna è infatti il Teide, a Tenerife, con i suoi 3718 metri.

Il video che vi posto è ripreso nella zona della Caldera de Taburiente, in una zona di correnti discendenti (in spagnolo zona de “sotavento”, sottovento in lingua italiana) degli alisei, compresa in una fascia tra i 400 ei 2.400 metri di altezza.

La lezione a cui assisterete è del señor Ramón Peña, guida del Parque Nacional de la Caldera de Taburiente che vi spiegherà alcune carateristiche fondamentali del pino canario: il metodo di riproduzione di questa pianta e la ragione per cui è così resistente al fuoco.

 

Nel successivo documentario, diviso in due parti, si analizza l’importanza del pino canario per le isole canarie e la ragione per cui è resistito per secoli ed è stato utilizzato per costruire patii e balconi.