Antonio| 18/05/2017

lslmpz0jtx4kz10100kiboy3irt6on1x1495032371599-medium.jpgDa ieri mattina alle ore 13.30 Playa de Mogan è stata riaperta al bagno, chiusa lo scorso 11 maggio per lo sversamento di acque nere. Il personale, dopo aver ricevuto l’autorizzazione dai responsabili della Sanidad Canaria di Las Palmas che avevano analizzato in questi giorni vari campioni di acqua, hanno tolto i divieti, il filo bianco e rosso di pericolo e i cartelli con l’avviso del divieto. Sicuramente hanno tirato un bel sospiro di sollievo: autorità, residenti e turisti che ora potranno godersi nuovamente i bagni nella bella spiaggia di fronte all’oceano, pmogan2.jpgvicino alla bella località di Puerto Mogan nota con il nome di “la Venezia dell’Oceano” per i suoi canali e per le sue strade strette, simili a calli, con ristoranti tipici, bei fiori e quegli edifici tanto eleganti con quel tipico colore bianco con decorazioni in azzurro.

La alcaldesa (la sindaca) de Mogán, Onalia Bueno, aveva visitato sin da martedì la spiaggia, informando il personale che le analisi ora erano negative e quindi dopo le canoniche 48 ore, necessarie per avere risultati certi, si sarebbe potuto riaprire la spiaggia al pubblico.mcmj3gr5xgo1gn6gs69qcy7dsty1ckrs1495032369286-medium.jpg

Lo sversamento era avvenuto lo scorso 11 maggio a causa di un’avaria in alcuni tubi che portano acque nere ed era stato bloccato alle 4 di mattina del 12 maggio.

pmogan.jpgNei campioni prelevati l’11 Maggio era stata trovata un’alta percentuale di batteri Enterococchi ed Escherichia coli; solo le analisi del 15 maggio hanno dato risultato negativo riguardo ad un inquinamento di tipo batterico.

In questo periodo la spiaggia ha continuato ad offrire servizio di amache e i turisti hanno potuto continuare a prendere sole.

Fonte e foto: Canarias En Hora