Antonio| 4/04/2017

300px-Guardamar_Polimnia.jpgDa domenica sera la struttura che si occupa di salvataggi marittimi ha cercato nelle acque a sud di Gran Canaria un’imbarcazione, sembra partita da Dakhla, località del Sahara occidentale, conosciuta anticamente come Villa Cisneros.

Secondo le fonti l’imbarcazione aveva 62 occupanti, tra cui una ventina di donne e due bambini; le ricerche sono state sospese alle 22.30 della domenica e sono state riprese lunedì mattina alle prime luci dell’alba.
Le ricerche hanno coinvolgono una nave vedetta del Ministerio de Fomento: la Salvamar Talía, che partì dal Puerto de La Luz, dove ha la base, e l’aereo che partì dall’aeroporto di Gran Canaria; entrambi i mezzi rimasero lontani 88 km. dalla costa, per questo motivo, forse, il risultato del primo giorno di ricerche fu negativo. Salvamar Talía fece ritorno al porto di Arguineguín, da dove è ripartita alle 8 di lunedì, sostenuta nelle ricerche dall’aereo.

Nel primo pomeriggio l’aereo del Salvataggio Marittimo ha localizzato l’imbarcazione.

La Salvamar Talia è stata inaugurata il 5 maggio 2010 assieme a Salvamar Al Nair che ha base a Lanzarote.

Risulta importante intercettare queste navi prima che arrivino sulla costa in quanto, per la sicurezza sull’isola, è necessario accertarsi che tra gli occupanti non si nascondano armi o persone con intenzioni minacciose per la sicurezza pubblica dell’arcipelago.

Permettetemi un forte ringraziamento alle donne e agli uomini che alle Canarie si occupa del soccorso, dell’aiuto e della difesa di ogni abitante, oriundo o no.

Fonte: La Provincia Canarias7