Antonio| 02/04/2017

alquiler-vivienda_100x100.jpgSecondo uno studio di un grande portale di affitti e vendita case, http://www.idealista.com, si sta assistendo a una vera e propria ripresa del mercato immobiliare legato agli affitti, tant’è che si assiste a un fenomeno, più o meno esteso, in tutta la Spagna: quello degli “affitti immediati”. Cosa si intende per “affitto immediato”? Per “affitto immediato” si intende quel fenomeno per cui un appartamento in affitto non rimane vuoto per più di 48 ore, ossia in due giornate lavorative, privati e società immobiliari riescono affittarlo alle migliori condizioni per il proprietario. Nel mese di febbraio in media il 12% delle operazioni effettuate furono affitti immediati.

Prima di … correre a comprare per investimento, aspettate un attimo. L’arcipelago canario non è tra le province più beneficiate da questo fenomeno, tant’è che si assesta su una media solo il 9% delle operazioni immobiliari di affitto furono affitti “immediati”.

Ma quali province vanno meglio? La regione delle Baleari è dove la domanda è più alta, ben il 19% di tutte le case che vengono affittate sulle isole durante il mese di febbraio non è durata in idealista.com per più di 48 ore; se le Baleari fanno da capofila, seguono immediatamente: Comunità di Madrid (18% di affitto immediato), Navarra (17%), Catalogna (12%) e Paesi Baschi (12%), queste zone sono nella media nazionale, mentre sotto la media nazionale sono Aragon (11%), Andalusia (9%), Canarie (9%) o Galizia (8%). La parte inferiore della tabella si completa con Cantabria, Valencia e Castilla La Mancha (7% in tutti e tre i casi), Castiglia e Leon (6%), Extremadura (5%), Asturias, La Rioja e Murcia (4 %).

Già nel 2008 l’economia spagnola fu duramente colpita da una bolla immobiliare, ma sembra che questa volta si tratti di una vera e propria ripresa del mercato, dovuta al fatto che la domanda di appartamenti in affitto stia crescendo non in modo proporzionale all’offerta; a sostenere questa ipotesi è Fernando Encinar, capo degli studi di mercato per http://www.idealista.com, che dichiara:  “il mercato degli affitti è chiaramente caldo in alcune città, ma non vuole dire che sia in atto una bolla perché i prezzi non sono in aumento a fini speculativi, ma per un notevole incremento della domanda” e conclude: “i prezzi sono stati a lungo in letargo durante la crisi ed ora stanno recuperando sostenuti da uno scenario di miglioramento economico e di aumento dell’occupazione, soprattutto nelle grandi città”.
I dati sembrano proprio dare ragione al dott. Encinar, i capoluogo di provincia sono i veri punti caldi degli affitti, lì dove si concentra spesso l’interesse della domanda di affitto e dove inevitabilmente il costo per un affitto immediato sono generalmente più elevati.

Ourense registra un tasso di affitti immediati attorno al 33%.  Albacete e Malaga 27%, Pamplona 25%.

La città di Barcellona si situa attorno a un 21% e a Madrid 19%, tuttavia queste due ultime grandi città vedono differenze notevoli a seconda della zona: Sant Andreu a Barcellona si situa attorno a un 40% di affitti immediati, poi seguono: Nou Barris (38%), Horta Guinardó (31%) e Gràcia (27%). Viceversa il tasso più basso si è verificato in Sarrià Sant Gervasi (8%), seguita da Sant Marti e Ciutat Vella (21% ciascuno).A Madrid spiccano i seguenti quartieri: Villaverde (31%), seguita da San Blas (29%), America (28%), Arganzuela, Puente de Vallecas, Usera e Villa de Vallecas (26% in tutti e quattro i casi).

Consigli per il proprietario

Fernando Encinar spiega che in questo periodo “potreste essere soffocati dalla raffica di chiamate e messaggi ricevuti, mantenete il sangue freddo, aspettate e cercate di raccogliere il maggior numero possibile di candidati, in modo da selezionare il profilo-affittuario che meglio si adatta voi; se si ricorre ad un professionista immobiliare si sarà in grado di fare un filtro iniziale e chiedere consigli sul contratto, inoltre potrete avvalervi della garanzia della legge oppure decidere il migliore criterio finanziario: lavoro fisso, solvibilità dell’affittuario”.

Consigli per chi affitta

Ferdinando Encinar, dirigente di http://www.idealista.com, riconosce che “c’è un momento complesso per trovare alloggi in affitto, ma non si deve disperare; consiglio di essere chiari con quello che vuoi e se scopri un annuncio che ben si adatta, non perdere un secondo! È importante essere uno dei primi a contattare il proprietario, e non dimenticate di avere tutta la documentazione già pronta e abbastanza soldi per chiudere l’affare entro poche ore”.

Personalmente vi consiglio di scaricare la loro app, utile, con molte foto e informazioni, personalmente la uso e mi trovo bene in quanto le informazioni sono aggiornate e c’è modo di inviare email, fare commenti, chiedere ulteriori informazioni e salvare le case “preferite”.

Fonte e foto: Idealista