Antonio| 16/02/2017

armas_texas_620x350La politica americana è divisa tra due grandi partiti: i democratici e i repubblicani, dopo le ultime elezioni questi ultimi hanno acquistato, oltre alla presidenza con Mister Donald Trump, anche la maggioranza al senato, la camera che vota le leggi in America.

I cavalli di battaglia dei repubblicani sono molteplici, alcuni a mio avviso contraddittori: buona parte dei voti vengono raccolti tra l’elettorato cattolico e protestante, per cui il partito è contrario all’aborto, ai diritti civili per i gay, alcuni sostengono addirittura la libertà di discriminare le persone in base al proprio orientamento sessuale, in quanto vietare la discriminazione limiterebbe la “libertà” religiosa.

Se però i repubblicani vogliono difendere la vita dei nascituri, contemporaneamente sono la vera anima del liberismo più sfrenato, ecco che sono contrari a un sistema sanitario pubblico: in America per curarsi bisogna avere un’assicurazione privata, senza la quale non si ha diritto a cure.

Ma la più grande contraddizione riguarda la difesa di possedere e comprare armi di ogni tipo, anche praticamente veri e propri fucili da guerra. Il presidente Obama era riuscito a limitare la vendita di armi, o quanto meno era stato in grado di impedire la vendita delle armi a coloro che avessero avuto una diagnosi di malattia mentale, come la schizofrenia; il presidente Obama sperava con questo di non armare persone psicologicamente instabili; ma ciò non piace al partito repubblicano, partito sostenuto anche dal cardinale Burke, alto prelato della chiesa cattolica; è notizia di oggi che il senato degli Stati Uniti ha dato il via al primo passo per permettere a chiunque di possedere un’arma, che abbia problemi psichici o meno. Il rischio che potrebbe esserci in America è che persone malate mentalmente, per esempio con nevrosi paranoide, se non psicotiche, potrebbero comodamente armarsi entrando in un’armeria, per dare sfogo alle proprie “convinzioni”.

La notizia fa paura, mi chiedo quale coerenza abbia una religione cristiana o cattolica che da una parte voglia giustificare l’emarginazione di omosessuali e donne che abortiscono, ma dall’altra giustifichi il mercificare la salute, piegarsi al dio denaro o peggio non porre argine alla violenza, rendendo almeno difficoltosa la vendita delle armi; sicuramente non essendo frutto di quella cultura, non vedo come espressione di libertà possedere un fucile semiautomatico, tuttavia ammetto di non capire che soddisfazione ci sia poter comprare una pericolosa arma con la stessa facilità con cui compriamo un pacchetto di caramelle, scendendo in strada ed entrando nel primo alimentari..

Fonte: Bolsamania