Antonio| 26/07/2016

Negli immobili alle Canarie ci sono due stanze molto particolari: il lavadero e il trastero.

Queste due parole le troverete negli annunci immobiliari di affitto e/o vendita. Quando un appartamento può sembrarvi piccolo rispetto agli standard italiani, subito l’immobiliarista vi preciserà che l’appartamento ha anche il trastero e il lavadero, ma attenzione a capire cosa significhi lavorare con una lavatrice posta magari a tanti piani di distanza! Difficilmente troverete immobiliaristi che vi guideranno nella vostra scelta, certe cose occorre provarle di persona.

Il trastero è un locale di disimpegno, può essere paragonato a una cantina o un solaio, a pianoterra o nell’ultimo piano; vi consiglio quindi di analizzare quanti piani ha l’edificio e se esiste un ascensore, che può anche risultare rotto e quindi inutilizzabile in alcuni periodi.

In un trastero potrete appoggiare biciclette, motorini, scorte di cibo e tutto quanto può essere messo in una cantina o in un solaio.

Il lavadero invece è una stanza predisposta con gli attacchi per la lavatrice ed eventualmente il lavaggio a mano. Sicuramente avere lo spazio in casa per la lavatrice e magari l’asciugatrice è la soluzione migliore, ma molti sono gli edifici che non contemplano questa possibilità, quindi vi trovere a gestire un lavadero all’ultimo piano dell’edificio. Credo sia superfluo, soprattutto per chi deve gestire i panni di un’intera famiglia, riflettere sulle conseguenze pratiche di un appartamento con un lavadero all’ultimo piano: pensate solo a fare chili di bucato e doverli portare sino all’abitazione per stirarli.

Veniamo ora ad alcune accortezze che l’esperienza mi consiglia di darvi. Già in altri articoli abbiamo parlato della calima, nel momento in cui andiamo a gestire un lavadero posto sul tetto dell’edificio, non dobbiamo dimenticare che porre oggetti e lavatrice in un lavadero significa trovarli ricoperti, in alcuni periodi, di sabbia e polvere. Il consiglio è quindi quello di non lasciare mai aperto l’oblò della lavatrice, di coprire l’elettrodomestico con un telo di plastica o di stoffa resistente, di pulire periodicamente il pavimento e valutate l’opportunità di porre piastrelle chiare, facilmente pulibili ed estremamente resistenti. Ultima attenzione da porre ai fili per stendere, infatti se all’esterno, ricordatevi di pulirli periodicamente con una spugna bagnata, sopra ad essi si deposita infatti terra e polvere che danneggerebbe i vostri panni.

Vivendo alle Canarie, non dobbiamo mai dimenticare che un clima particolare necessita di attenzioni particolari. La cosa peggiore è scoprire questi differenti aspetti sulla propria pelle, ma una volta che si conosce la situazione ci vogliono pochi gesti per non avere brutte sorprese. A presto.