Antonio| 02/07/2016

ricetta 2 luglio

Sinora per l’angolo della cucina canaria abbiamo visto i grandi classici della cucina canaria: il mojo rojo, il mojo verde e las papas arrugadas, ora, visto che siamo a quattro passi dall’oceano, mi sembra giusto iniziare con un piatto di stile canario a base di pesce.

La cucina alle canarie risente dell’impatto di un certo tipo di turismo che è soprattutto di origine nord europea e quindi sarà facile per voi trovare ristoranti che cucinano bene la carne e che servono eccellente birra, ma vi sarà difficile mangiare del buon pesce se non conoscete dove andare. Con questo piatto spero di spronarvi a guardare il banco del pesce con maggiore interesse e curiosità.

 

ricetta 2 luglio spezie.jpgInnanzitutto desidero spiegare il nome della ricetta: cosa si intende con Fideuá o Fideos? Il termine deriva dalla cucina della città di Valencia, la cui gastronomia, pur vedendo il ruolo importante del riso, contempla anche l’utilizzo di pasta ottenuta generalmente dal grano duro lavorato con l’acqua, questa è la Fideuá;  a volte per la pasta può essere utilizzato anche il grano saraceno, la fecola oppure farina di riso.

 

Ingredienti: ricette 2 luglio pesce bianco.jpg

400 gr. coda di rospo
400 gr. mazzancolle
500 gr. cozze
500 gr. vongole
300 gr. calamari
500 gr.di fideuá
2 litri di brodo di pesce

3 spicchi di aglio
1 cipolla bianca
1 peperone rosso
1 peperone verde
1 pezzo di porroricetta 2 luglio stimmi

2 pomodori maturi
8 stimmi di zafferano (chiamati altrimenti fili, l’immagine è puramente esemplificativa, non dovete scioglierlo in acqua come nella foto, attenzione!!!)
1 cucchiaio di peperoncino
1 rametto di timo
1 foglio di alloro
Olio di Oliva extra-vergine e sale q.b.ricetta e luglio vongola.jpg

ricette 2 luglio cozze.jpg

 

Preparazione:

ricette 2 luglio polipetti.jpg

Tagliamo a dadini grossi il pesce, conserviamolo dentro un piatto; puliamo le mazzancolle; cuciniamo con un po’ di acqua le cozze, dopo averle pulite con cura, quindi le teniamo da parte e ci dedichiamo a ripulire i calamari dalla parte esterna, rimuovendo anche i tentacoli, quindi tagliamo i calamari in modo da ottenere degli anelli.

ricetta 2 luglio dadini.jpg

ricetta 2 luglio pasta

 

 

 

 

 

Ora, dopo aver ripulito il pesce, cotte le cozze (facendo attenzione d’aver tolto i “baffi” e grattato la conchiglia per togliere via i residui ), prendete una pentola bassa e larga, versate dell’olio, soffriggete gli anelli di calamari, bastano pochi minuti; togliete la frittura di calamari dall’olio e mettetela da parte; nel medesimo olio soffriggete ora l’aglio e la cipolla,  poi aggiungete il porro e i peperoni tagliati precedentemente a dadini, poi aggiungete i pomodori a cui abbiamo tolto la pelle e i semi, il peperoncino in polvere, il timo, la foglia di alloro e il sale;  aggiungiamo i calamari precedentemente cotti, i tentacoli e infine la pasta.

Dopo aver lasciato il composto a sistemarsi per alcuni minuti, aggiungiamo il brodo di pesce e facciamo cucinare il tutto a fuoco forte, quindi aggiungiamo le cozze, precedentemente cotte, le vongole, le mazzancolle e il pesce precedentemente tagliato, cucinare sino a che la pasta non risulti cotta, lasciare risposare alcuni minuti prima di servire. Sotto inserisco le foto delle differenti fasi, fate attenzione al quantitativo di brodo di pesce. Passando sopra a ciascuna foto con il mouse vedrete apparire il numero della fase e l’operazione da svolgere.

 

 

 

idioma español

La Cocina Canaria de Pepe López
02-07-2016
Receta 182
Fideuá de pescado y marisco estilo canario

Ingredientes:

400 gr. gallo o rape
400 gr. gambas
500 gr. mejillones
500 gr. almejas
300 gr. calamar
500 gr. fideos fideuá
2 litro de caldo de pescado
3 dientes de ajo
1 cebolla blanca
1 pimiento rojo
1 pimiento verde
1 trozo puerro
2 tomates maduros
8 hebras azafrán
1 cucharada pimentón
1 ramita tomillo
1 hoja laurel
Aceite de oliva
Sal

Preparación:

Troceamos el pescado, reservamos, limpiamos las gambas, reservamos en un caldero con agua cocemos los mejillones, le quitamos las conchas y bigote, reservamos, limpiamos el calamar y cortamos en anillas, en una paella con aceite de oliva, doramos las anillas de calamar, reservamos, en el mismo aceite hacemos una fritura con los ajos, cebolla y puerro cortado en trocitos, pimientos cortado en dados, tomates sin piel ni semillas, pimentón, tomillo, laurel y punto de sal, una vez finalizada añadimos los calamares, fideos y azafrán, dejamos rehogar unos minutos, añadimos el caldo caliente dejamos hervir, añadimos los mejillones, almejas, gambas, pescado, punto de sal, dejamos cocer hasta que los fideos estén tiernos, dejamos reposar unos minutos.