Le vendite dei negozi al dettaglio alle canarie continuano a registrare aumenti dopo aumenti, siamo ormai al trentaquattresimo aumento, in aprile l’aumento è del 7,9%.

Cosa sorregge questa catena di risultati estremamente positivi? è presto detto: il turismo e la fiducia dei consumatori, la convinzione che la crisi sia alle spalle e che si vada verso un boom economico dalla portata rivoluzionaria. Gli addetti al settore tuttavia non manifestano ottimismo, non negano i dati, ma evidenziano che la crisi ha lasciato una situazione veramente drammatica.

I dati positivi non sono tuttavia solo nell’arcipelago, in media si assiste in tutta la Spagna un aumento del 6,4%, ma non dobbiamo dimenticare che le isole canarie furono la comunità autonoma più duramente colpita dalla crisi e che produsse una ondata di fallimenti e chiusure di negozi, negli anni passati, parliamo dopo il 2008 e sino al 2013, si era assistito a una percentuale di chiusure del 13,3% ciascuno anno, più di un negozio ogni dieci chiudeva i battenti. Chi ha visitato le isole nei passati anni, può facilmente confermare la sensazione che si stessero traspasando (vendendo) tutti i negozi.

Gli economicsti sono convinti che i risultati alle canarie sia un termometro di una situazione estremamente favorevole e di un giro di boia ormai superato, ora quello che occorre è una politica che metta a profitto i freschi soldi che provengono dal settore turistico.

Facciamo un paio di confronti. Vi sono comunità autonome (le regioni spagnole) che stanno facendo meglio? Sì, Baleari (8,9%), Paesi Baschi (8,5%) e Madrid (8,3%). La crescita di occupati non segue gli ottimi risultati in campo delle vendite, infatti nell’arcipelago il numero dei lavoratori occupati era cresciuto solo del 0,9% interannuale in Aprile, molto dietro al 1,5% di media nazionale e che lascia le canarie al 13 posto.

Gli imprenditori giustificano i risultati non estremamente positivi in campo occupazionale, col fatto che nel momento della crisi si fecero molti sforzi per non licenziare lavoratori, così che ora si assiste a un periodo di stabilizzazione che non fa registrare grandi numeri a livello dell’occupazione, tuttavia, rassicurano gli imprenditori canari, si dovesse mantenere un livello di turismo uguale, presto i risultati anche in campo nazionale non tarderebbero ad arrivare.

Gentili lettori, a voi le riflessioni del caso, se sperate di trasferirvi qui con famiglia, questo è quanto si dice nelle isole.

 

Fonte: Canarias 7